28 apr
Redazione
0 Commenti

IN VINO VERITAS: perché bere responsabilmente vino fa bene.

E se in questo articolo vi dicessimo che: bere moderatamente vino fa bene...

...alla salute: è stato comprovato che svariati composti presenti nel vino (soprattutto quello rosso) favoriscono la prevenzione delle cardiopatie, oltre ad essere utili alla salute delle arterie, del fegato, fortificano il sistema immunitario ed aiutano ad impedire l’invecchiamento cellulare precoce. ll resveratrolo è solo uno dei tantissimi composti preziosi di cui sono ricche le bucce degli acini d’uva e che quindi si trovano nel vino.

...allo spirito: sorseggiare un buon vino rilassa piacevolmente ed è un valore sano della cultura mediterranea. E’infatti emblema di cordialità, naturalità e socievolezza. Bere vino in compagnia, senza esagerare, fa bene alla mente.

...ai sensi: perché il piacere offerto da un buon bicchiere di vino è articolato e molteplice, al punto da rivitalizzare tutti i nostri sensi, la vista, l’olfatto, il gusto e il tatto.

...all’intelligenza: il vino fa parte di varie culture e ci narra ogni volta una storia diversa egata alla lavorazione e alla dedizione degli uomini che lo producono, al territorio di provenienza e all’ambiente in cui è utilizzato.

...all’alimentazione: noi di Casa Buratti sappiamo bene che ad ogni buon piatto va abbinato un buon vino per esaltare i sapori dei cibi ed inoltre aiutare la digestione. Imparare ad apprezzare il buon vino genuino porta ad una serie di considerazioni sul mangiar sano e sul consumo di prodotti coltivati nel rispetto della natura.

Il nostro suggerimento è quindi di permettersi, moderatamente, il piacere del buon vino accompagnandolo con un’alimentazione equilibrata ed una modesta ma costante attività fisica. Normalmente si consigliano tre bicchieri di vino per l’uomo e due per la donna, come dose massima da suddividere nei due principali pasti giornalieri (in virtù di differenze metaboliche ed epidemiologiche). Ovviamente il grado di tolleranza può variare molto da persona e persona. Un buon bicchiere di vino, inoltre, dovrebbe essere sempre assunto duranti i pasti, non a stomaco vuoto, va sorseggiato lentamente, sia per la salute sia per poter degustare e assaporare le sue note.

Ciò che rimane sul piatto, anzi nel calice, sono alcune idee che abbiamo elaborato su questo tema: bere vino, anziché essere astemi, se si vuole salvaguardare la propria salute, ma ricordando sempre di evitare abusi. Il vino è una realtà piacevole e tutti lo sappiamo, ma che il suo quotidiano consumo in dosi moderate rappresenti un beneficio per la salute è cosa del tutto nuova.

Quindi carissimi amici, concedetevi a tavola il piacere di un buon calice di vino e se vi interessa vi invitiamo a seguire la nostra raccolta di ricette (blog-ricette) in cui solitamente abbiniamo un vino ad ogni pietanza.

 

[Le indicazioni di massima riportate nella rubrica, estratte dalla letteratura specialistica del settore, hanno uno scopo puramente informativo e divulgativo: non intendono in nessun modo fornire suggerimenti per l’auto cura].

0 Commenti
Lascia un commento
INVIA